Taibi, Cevoli e una pace da siglare nell'interesse della Reggina

Taibi e Cevoli
Taibi e Cevoli

"Taibi e Cevoli? Li posso mettere in una gabbia e farli scannare. Qui parliamo di persone che hanno una età, professionisti, hanno un contratto, prendono il loro stipendio puntualmente, tutti i santi mesi. Che devo fare? Fargli far pace? Presumo che abbiano un cervello, persone con la testa e si comporteranno di conseguenza. Se devo fare il maestro di scuola con i bambini…questa è una società professionistica, loro sono due professionisti e devono fare ognuno il proprio". Parole e musica del presidente della Reggina, Luca Gallo, il quale, nel corso della conferenza stampa convocata nell'immediato post Reggina-Sicula Leonzio, ha confermato, semmai ce ne fosse bisogno, come i rapporti tra il direttore sportivo e l'allenatore della Reggina non siano proprio idilliaci. 

Taibi è il direttore sportivo che quest'estate, tra mille difficoltà, ha costruito una squadra decente per disputare il campionato di Serie C ed ha deciso di affidarla nelle mani di un allenatore che l'ambiente Reggina lo conosce abbastanza bene: Roberto Cevoli. Qualcosa, tra i due, deve essersi rotta successivamente e con l'arrivo della nuova proprietà, alla prima occasione utile, il Ds ha pensato di silurare un allenatore che tutto sommato non stava facendo male. Taibi ha esonerato Cevoli, Taibi ha scelto Drago ma Gallo ha esonerato Drago e richiamato Cevoli.

E' nell'ultimo passaggio che sta il nodo cruciale del ragionamento. La proprietà, esonerando l'ex allenatore di Crotone e Cesena, ha voluto sia dare una scossa alla squadra in vista delle ultime tre partite di campionato ma al tempo stesso lanciare un messaggio abbastanza chiaro al direttore sportivo: è stato fatto tutto ciò che hai voluto, i risultati non sono arrivati, adesso si torna indietro e con l'allenatore che hai mandato via si cerca di raggiungere l'obiettivo stagionale: entrare nei play-off. Siete entrambi dei professionisti, venite profumatamente pagati per lavorare, testa bassa e lavorare.

Il messaggio del presidente Luca Gallo, dunque, non ha bisogno di ulteriori interpretazioni. Taibi e Cevoli sono chiamati a siglare una "pace" nell'interesse esclusivo della Reggina. Da qui a fine campionato bisognerà remare tutti nella stessa direzione. Spesso, in passato, si è ripetuto che la maglia della Reggina è la cosa che maggiormente conta: bene, è il momento di dimostrarlo! Taibi e Cevoli sono avvisati ed hanno entrambi una grande opportunità: far diventare le parole fatti.

Francesco Modaffari

Leggi altre notizie:REGGINA