Reggina-Juve Stabia 1-0: Top & Flop della sfida del Granillo

Andy Bangu
Andy Bangu

Ecco i nostri TOP & FLOP di Reggina-Juve Stabia, gara valida per l'ottava giornata del girone C della Lega Pro, giocata ieri allo stadio Granillo.

TOP:

LA DIFESA DELLA REGGINA - Prova straordinaria della retroguardia amaranto che, contro un'avversaria ispiratissima e in forma, ha sfoggiato il vestito delle feste, risultando blindata e difficile da scardinare. Quando non ci sono arrivati Gianola e Kosnic, ci ha pensato Sala, sopratutto sulla parata su Liviero alla mezz'ora del primo tempo. Crescono anche i due terzini Cane e Possenti.

LA JUVE STABIA NEL PRIMO TEMPO - Se lo Stabia giocherà sempre come nella prima frazione, anche Lecce e Foggia avranno grossissimi problemi al cospetto di Izzillo e soci. Velocità, pressing, gioco sulle fasce, sovrapposizioni, difesa perfetta, è mancato solo il gol negato da Sala in qualche circostanza. Era difficilissimo riproporsi nella ripresa a quei livelli e infatti le Vespe pagano alla fine il colpo del Cobra amaranto.

IL GOL DELLA REGGINA - Azione da vedere e far rivedere più volte. De Francesco, Bangu, colpo di tacco di Coralli e la perfetta esecuzione del centrocampista congolese: la difesa stabiese non ci ha capito nulla....

FLOP:

ATTACCO STABIESE - Stavolta manca il morso di Ripa o comunque le Vespe non hanno individuato il punto debole della Reggina. Nonostante un primo tempo scintillante, la pecca principale riguarda la mancanza di ulteriori soluzioni offensive, oltre al tentativo di azionare più volte Kanoutè a destra. Pecca pagata a caro prezzo nella serata del Granillo.

ATTACCO AMARANTO - Al di là del lavoro sfiancante di Claudio Coralli e del suo assist magnifico per Bangu, la prima linea della Reggina lascia ancora un pò a desiderare. Nel primo tempo è mancata la profondità, nella ripresa si è notata una leggera involuzione di Oggiano e Porcino. Chiaro, a questo punto, che esistono dei limiti strutturali importanti, che solo a gennaio potranno essere colmati.

Diana Ludovico